Archivi categoria: Arte

Grenar: la voce e le immagini delle parole


Gianfranco Grenar, scrittore e videomaker, incarna perfettamente  l’affascinante connubio fra parola e immagini.  Mosso da una passione e da una creatività del tutto originali, produce e diffonde in internet videoclip, booktrailer e spot. Non so molto di lui, della sua vicenda biografica, degli studi che ha compiuto… insomma di tutte quelle cose che ogni artista, non ancora incluso nell’ Olimpo della notorietà, tende sempre ad anteporre alla propria produzione, come  sorta di biglietto da visita indispensabile per dimostrare la sua bravura.  Grenar invece si distingue sic et simpliciter in quello che fa per la cura, la delicatezza e l’ironia delle immagini. Un mix ben riuscito che trasforma le emozioni in realtà concrete e tangibili, di semplice ed immediata lettura e comprensione da parte di tutti. Degno di lode e girato davvero molto bene è questo booktrailer, dedicato ad una malattia estremamente rara che colpisce nel nostro paese solo 200 bambini l’anno, chiamata  il grido del gatto.  Spero che per lui, come per tanti giovani talenti, la strada possa iniziare ad essere sempre più in discesa.

Annunci

I Diari di Andy Warhol – di Pat Hackett


Mercoledi 2 febbraio 1977

[…] Alle 11 Catherine ed io siamo andati a intervistare Michael Jackson da Regine. È molto alto adesso ma ha una voce da soprano. La situazione era tutta strana perché in realtà Catherine ed io non sapevamo niente di Michael Jackson, e lui non sapeva niente di me – credeva che fossi un poeta o qualcosa di simile. Così faceva domande che non farebbe nessuno che mi conosce – come se sono sposato, se ho dei figli, se mia madre è ancora viva… (ride). Gli ho detto: <<È in un ricovero>>.

È un piccolo stralcio tratto da I Diari di Andy Warhol, redatto dalla segretaria e assistente Pat Hackett e pubblicato nel 1989. Ogni mattina di ogni giorno lavorativo i due si sentivano al telefono per riassumere e trascrivere tutto ciò che accadeva il giorno precedente: dalle persone che Warhol incontrava per lavoro al famoso Studio 54, ai progetti artistici, alle serate mondane in compagnia delle maggiori star del momento, all’elenco giornaliero di quanti dollari spendeva per gli spostamenti in taxi. In realtà il libro, di scarso valore letterario, ha però un merito enorme perché ricostruisce con dovizia di particolari quasi maniacale non solo la vita di Warhol, il suo talento geniale e le sue manie, ma ci offre uno spaccato veritiero di un’ intera generazione di artisti anticonformisti e innovatori, che insieme a lui cambiarono nell’arco di quindici anni il volto della nostra società, nascondendone le miserie e le omologazioni sotto uno spesso strato di vivaci colori.


Pittura e Poesia in William Blake: The Tyger


O Tigre!  Tigre! che splendente bruci

nelle foreste della notte,

qual mano immortale o sguardo

potè formare la tua tremenda simmetria?

In che remoti mari o cieli

era accesa la fiamma dei tuoi occhi?

Su che ali osa salire?

qual mano di fuoco osa ghermire?…

Quando piombaron giù le lance delle stelle

e le loro lacrime inondarono il cielo,

nel veder la sua opera ha sorriso?

Fu chi fece l’Agnello a fare te?

O Tigre! Tigre! che splendente bruci

nelle foreste della notte,

qual mano immortale o sguardo

osa formare la tua tremenda simmetria?


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: