Archivi tag: Pablo Neruda

Jim Morrison o William Blake? Un dubbio da sciogliere


 Che il rapporto fra Poesia e Musica sia talmente stretto da divenire in certi casi addirittura simbiotico è provato dalle personalità carismatiche di alcuni personaggi della nostra storia musicale, ricordati ed appellati nelle loro biografie sia come cantautori che come poeti. Fra questi John Lennon, Jimi Hendrix ed il nostro De Andrè, entrato da qualche anno di diritto in numerose antologie scolastiche.

Ma il poeta per eccellenza, conosciuto e amato da almeno tre generazioni, rimane il Re Lucertola, James Douglas Morrison (Melbourne 1943 – Parigi 1973) leader del gruppo The Doors. Non è un caso, infatti, che i suoi resti riposino nel monumentale cimitero di Père Lachaise a Parigi, accanto a quelli di Apollinaire, Oscar WildePaul Éluard. C’è poco da aggiungere a quanto già scritto su di lui. Personaggio ammirato e criticato al contempo, ha lasciato un’ impronta così indelebile nelle coscienze di milioni di  persone da essere ancora oggi, a distanza di tanti anni dalla sua scomparsa, uno dei più “citati” del web. Le sue poesie, i suoi testi e i suoi pensieri – veri e propri moniti esistenziali – campeggiano insistentemente nelle bacheche dei social network e rappresentano un irrinunciabile spunto per blogger e giornalisti di ogni nazionalità.

Ma come spesso accade  –  Neruda docet – la troppa fama legata ad un personaggio e la scarsa precisione di chi ne parla nel web hanno generato un tam tam di inesattezze, divenute vere e proprie convinzioni molto difficili da scardinare. Nel caso di Jim Morrison, la celebre frase: <<Se le porte della percezione fossero spalancate, ogni cosa apparirebbe all’uomo come realmente è: infinita>> –  a lui erroneamente attribuita –  è stata scritta in realtà da William Blake, poeta amato ed apprezzato dall’artista, che proprio ad essa si ispirò per il nome della propria band.

Dell’indimenticabile Mr.Mojo Risin è invece questa splendida poesia:

The Severed Garden

Wow, I’m sick of doubt
Live in the light of certain
South
Cruel bindings.
The servants have the power
Dog-men and their mean women
Pulling poor blankets over
Our sailors

I’m sick of dour faces
Staring at me from the tv
Tower, I want roses in
My garden bower; dig?
Royal babies, rubies
Must now replace aborted
Strangers in the mud
These mutants, blood-meal
For the plant that’s plowed.

They are waiting to take us into
The severed garden
Do you know how pale and wanton thrillful
Comes death on a strange hour
Unannounced, unplanned for
Like a scaring over-friendly guest you’ve
Brought to bed
Death makes angels of us all
And gives us wings
Where we had shoulders
Smooth as raven’s
Claws

No more money, no more fancy dress
This other kingdom seems by far the best
Until it’s other jaw reveals incest
And loose obedience to a vegetable law.

I will not go
Prefer a feast of friends
To the giant family.


Lentamente muore. Paternità o maternità?


La poesia più inflazionata nella rete è senza dubbio “Lentamente muore“, ed i motivi sono facili da comprendere. E’ un componimento estremamente musicale, cadenzato, semplice ma d’effetto, che suscita nel lettore un immediato turbamento ed una straordinaria immedesimazione. E’ una poesia per così dire: empatica. Ebbene, nonostante sia stata chiarita in più luoghi la paternità, anzi la maternità di questa lirica, digitando il titolo nei motori di ricerca si continua ad avere a distanza di tempo sempre lo stesso risultato: “Lentamente muore” di… Pablo Neruda. Idem in profili di utenti, post, etc. Invece no!

Lentamente muore” (originale “A Morte Devagar“) – ribadiamolo – è stata scritta nel 2000 da Martha Medeiros, ormai più famosa per questa enorme bufala che per il suo serissimo lavoro di giornalista e di scrittrice. Mi sembra un po’ come il “Non ti curar di lor ma guarda e passa” che ormai è diventata la versione ufficiale della più veritiera: “Non ragioniam di lor ma guarda e passa“.

 

Martha Medeiros, a questo punto è doveroso aggiungere qualche parola su questa donna, è nata a Porto Alegre nel 1961. Giornalista per i giornali Zero Hora e O Globo (stampato questo a Rio de Janeiro) e navigata scrittrice ha all’attivo ben 17 pubblicazioni. L’ultima in ordine cronologico è intitolata Mucche e Babbo Natale (2008).

 

 

 



La poesia d’amore di Neruda


Mimmo Pelini interpreta una delle più belle poesie d’amore di Pablo Neruda (Parral 1904 – Santiago 1973)

             

 Se tu mi dimentichi

Voglio che tu sappia
Una cosa.
Tu sai com’è questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti poco a poco.
“Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
chè già ti avrò dimenticata”

Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
Che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finchè tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscire dalle mie.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: